Pranzo a scuola: cosa mi porto oggi?

Voi conoscete la Piramide alimentare transculturale per l’età pediatrica? Allo slogan de “Il cibo unisce”, la nuova piramide alimentare, promossa dalla Società Italiana di Pediatria, unisce le regole e i dettami della dieta mediterranea ai gusti e i modi di mangiare delle popolazioni che vivono nel nostro Paese. L’Italia è un paese multietnico ed anche la nostra alimentazione sta creando nuovi ricettari da insegnare alle nuove generazioni. Come dico sempre io, non dimenticare il passato, esplora il presente e crea il futuro anche in cucina 🙂

LEGGI E REGOLE DELLA PIRAMIDE TRANSCULTURALE 

Ultimamente ha fatto molto parlare la possibilità  di portare il pranzo da casa per la scuola. Tralasciando le varie opinioni o dubbi in merito, cosa c’entra questo con la piramide transculturale, direte voi?

Beh, se avete la possibilità di portare il pranzo da casa, ecco le mie idee che ho creato ispirandomi ai famosi Bento giapponesi e alla piramide transculturale.

Cosa sono i Bento?

“Il bentō è un pranzo preconfezionato, solitamente consumato nella pausa pranzo. La scatola da bentō è dotata di divisori interni atti a separare cibi differenti e viene avvolta in un pezzo di carta, di tessuto o in borse speciali insieme alle bacchette ( hashi?). Il bentō viene sempre confezionato in modo da creare un pacchettino esteticamente gradevole, studiando le combinazioni di colore dei cibi e la maniera di porli, coordinando bentō, bastoncini, cibo, tovaglietta e tutto il resto.”

Certo, i miei non sono carini come quelli giapponesi, ma vi aiuteranno per la preparazione di un pranzo sano e gustoso per i vostri bimbi. Ogni menù si ispira alle esigenze di alimentazioni particolari come quella vegetariana e hanno una comodità da non trascurare: le portate principali potete cucinarle la sera prima anche per cena. Facendone un po’ di più, ecco il pranzo pronto 🙂

Curiose di scoprire le mie idee? E allora partiamo!!

MENU’ DEI CAMPIONI

menu1

Polpettone arrotolato (piatto di carne, gluten free ma occhio agli affettati e ai formaggi… chiedete sempre e controllate sulle confezioni!))

Ingredienti:

500 g di carne macinata di vitello

1 uovo

3 fette di prosciutto cotto

6 fette di Emmental (quelle per fare i toast per capirci)

20 g di spinacino fresco

50 g di parmigiano grattugiato

Sale q.b.

Noce moscata q.b.

Preparazione:

In una terrina, insaporite la carne trita con il sale, un pizzico di noce moscata e il parmigiano. Aggiungete l’uovo e lavorate bene con le mani per almeno 10 minuti. Fate riposare in frigorifero per almeno 20 minuti.

Sopra un foglio di carta forno, distribuite la carne in modo omogeneo formando un rettangolo dello spessore di circa ½ cm. Disponete sopra le fette di prosciutto, poi le fette di formaggio e infine le foglie di spinacino. Fate ben attenzione a lasciare un contorno intorno senza ripieno, ci servirà quando lo chiuderemo.

Con l’aiuto del foglio di carta forno, arrotoliamo delicatamente il polpettone e lo compattiamo bene. Chiudiamo bene le due estremità e lo arrotoliamo all’interno del foglio formando come una caramella. Cuocete in una teglia con un po’ d’acqua (direi ½ bicchiere) a 200°C per circa 35 minuti. Ovviamente aumentando le quantità della carne e quindi le dimensioni, ci vorrà più tempo.

Prima di tagliarlo, attendete che si raffreddi un po’ altrimenti rischierete di romperlo.

Riso Pilaf (gluten free, no lattosio e vegano)

Seguite pure questa RICETTA, ma io utilizzo l’olio al posto del burro.

Potete anche insaporire, se piace, con spezie come il curry o lo zafferano.

Piselli in padella (gluten free, no lattosio, vegano)

Ingredienti:

200 g di piselli sbollentati

1 scalogno

Olio evo q.b.

Sale q.b.

Brodo vegetale q.b. (io tengo sempre dei cubetti in freezer pronti per l’uso!)

Basilico e menta a piacere

Preparazione:

In una padella, fate stufare lo scalogno affettato finemente in un filo d’olio e un po’ di brodo. Aggiungete i piselli e insaporiteli con sale e erbe fresche. Portate a cottura e, se necessario, aggiungete del brodo.

 

MENU’ VEGETARIANO

pranzomenu2

Hamburger di ceci (vegetariano, no lattosio)

1 patata media

1 zucchina

200 g di ceci cotti

1 uovo

20 g di cipolla

Sale q.b.

Pangrattato q.b.

Olio evo q.b.

Spezie a scelta se piacciono

Preparazione

Fate lessare la patata. Una volta pelata, schiacciatela con l’apposito attrezzo.

In un mixer, frullate la zucchina, la cipolla e i ceci.

In una terrina, unite la patata, il mix di verdure e ceci e 1 uovo. Insaporite con sale e spezie a scelta e mescolate bene.

Sicuramente il composto sarà umido, quindi aggiungete abbastanza pangrattato per poter formare delle polpette giganti. Io ho utilizzato una formina, altrimenti fate alla vecchia maniera… Con le mani e fatevi aiutare dai vostri bimbi!

Disponete i mini hamburger su una placca da forno con carta forno, cospargeteli con un filo d’olio e cuocete a 180°C per circa 25 minuti.

MENU’ NO LATTOSIO

pranzomenu3

Ruote colorate e golose

Ingredienti:

80 g di ruote

10 pomodorini

1 scatoletta di tonno

Pesto fatto in casa

Olio evo q.b.

Sale q.b.

Preparazione

Pesto fatto in casa: di ricette di pesto ce ne sono molte, quindi seguite quella che preferite… Ma attenti solo ad un particolare.

Perché sia SENZA LATTOSIO DOVETE UTILIZZARE PARMIGIANO REGGIANO 36 MESI poiché per la sua stagionatura risulta privo di lattosio!

Per la pasta: cuocete la pasta. Conditela con pomodorini tagliati, il pesto a piacere e il tonno… Buon appetito!

E se vi avanza un po’ di pesto, ecco un’idea divertente…

hamburger di caprese_low

MINI HAMBURGER POMO – MOZZA

Ingredienti:

mozzarelline ciliegia (ora in commercio esiste la mozzarella senza lattosio)

pomodorini ciliegino

pesto fatto in casa

semi di sesamo a piacere

Preparazione

La ricetta è davvero semplice… Tagliate a metà mozzarelle e pomodorini e componeteli come un panino, insaporendoli con un po’ di pesto. Fermateli con uno stecchino e il gioco sarà fatto!

 

Vi ho dato abbastanza idee? I menù sono tre, ma se combinate le ricette e i contorni in modo diverso… Ne avrete molti di più!

Come sempre vi do appuntamento alla prossima e per qualsiasi dubbio o info, scrivetemi!

Irene Prandi

www.stuzzichevole.com